Codice Etico Made in Italy

Info


Calamità naturali: è ora di cambiare passo

17/10/2014

Non è più pensabile che un'Impresa o un privato si debbano preoccupare di aver subito un danno, per il quale qualsiasi normale società avrebbe fatto un'assicurazione e quindi puntualmente sarebbe stato rimborsato.

Invero nulla si può imputare a loro.

Non è più pensabile che una Ditta debba occuparsi di documentare, dimostrare, certificare, fotografare i danni subiti per poi sentirsi rispondere dopo anni che ha sbagliato qualcosa nella procedura. 

Allora facciamo in modo che i nostri impiegati pubblici, su semplice comunicazione, si apprestino ad istruire la pratica, accertare i danni, documentarli, verificarli, fotografarli e disporre la liquidazione di quanto dovuto entro un termine ragionevole (3 mesi, massimo 6).

I funzionari che sbagliano le pratiche avranno loro l'assicurazione, in modo che entro i 6 mesi l'Azienda e il privato debbano e possano essere rimborsati dei danni subiti.

Chi ha subito danni è il danneggiato, e l'impiegato pubblico incaricato dalla società si preoccupa di fare in modo che il danneggiato sia rimborsato dei danni subiti, senza alcuna preoccupazione oltre a quella che ha già dovuto subire con l'imprevista calamità.

Nazzareno Vita 

ISTITUTO TUTELA PRODUTTORI ITALIANI


Print  Send  

News

Notizie sul Codice Etico

Non è più pensabile che un'Impresa o un privato si debbano preoccupare di aver subito un danno, per il quale qualsiasi normale societ&ag...
La Regione Liguria ha attivato il registro delle imprese regionali socialmente responsabili, un elenco dei datori di lavoro che avviano iniziative a f...
Le rinnovabili si modellano sul profilo morbido delle colline disegnate da Tullio Pericoli. Si collegano a un’antica vocazione locale all’...
Essere eco-turisti significa anche essere curiosi. Significa essere appassionati del fenomeno in generale: per capire dove andare a fare i turisti, e ...